GDF MONZA: SEQUESTRATI AD UN SOGGETTO BRIANZOLO DENARO CONTANTE ED OROLOGI ROLEX PER OLTRE 225MILA EURO. AVVISO DI CONCLUSIONE DELLE INDAGINI PER PRESUNTA USURA CON TASSI DI INTERESSE FINO AL 190%.

Sintesi Sequestrati ad un soggetto brianzolo denaro contante ed orologi Rolex per oltre 225mila euro. Avviso di conclusione delle indagini p...

Sintesi

Sequestrati ad un soggetto brianzolo denaro contante ed orologi Rolex per oltre 225mila euro. Avviso di conclusione delle indagini per presunta usura con tassi di interesse fino al 190%.



 Short Description

Cash and Rolex watches for over 225 thousand euros were seized from a subject in the Brianza area. Notice of conclusion of investigations for alleged usury with interest rates up to 190%.

Comunicato

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Monza, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo brianzolo, hanno sequestrato denaro contante ed orologi di lusso del noto marchio Rolex per un valore di oltre 225mila euro, nei confronti di un 49enne residente in provincia, dedito alla commissione di presunte condotte di usura.

L’indagine, sviluppata dai militari del Gruppo di Monza, è stata avviata a seguito dell’ordinaria attività d’Istituto svolta a tutela del mercato dei capitali, nel cui ambito è stato identificato un soggetto indiziato di concedere credito a tassi d’interesse usurari.

In particolare, tenuto conto dei plurimi precedenti di polizia, anche per estorsione, i Finanzieri hanno eseguito pertinenti accertamenti patrimoniali sul conto dell’indagato e del proprio nucleo familiare, nonché attività di osservazione e pedinamento, realizzate anche mediante il monitoraggio dei social network in uso, rilevando uno stile di vita assolutamente sproporzionato rispetto a quanto ufficialmente dichiarato al Fisco (per il quale risultava formalmente nullatenente) ed alla reale ricchezza disponibile, tra cui autovetture di grossa cilindrata e altri beni di lusso.

Gli elementi indiziari raccolti sono stati corroborati dalle risultanze delle indagini finanziarie delegate dalla Procura della Repubblica di Monza, in esito alle quali è stata rilevata un’anomala operatività finanziaria, caratterizzata da frequenti versamenti di denaro contante e ripetuti accessi presso una cassetta di sicurezza detenuta presso un istituto bancario.

All’esito degli accertamenti bancari, le Fiamme Gialle monzesi hanno ricostruito fatti di usura in danno di un commercialista brianzolo, che a fronte di un prestito di 45.000 euro, avrebbe restituito in due anni a solo titolo di interesse circa 73mila euro, con un saggio di quasi il 190% annuo.

A seguito di appositi provvedimenti di perquisizione emessi dall’A.G. inquirente, i Finanzieri hanno sottoposto a sequestro preventivo d’urgenza (successivamente convalidato sia dal Pubblico Ministero titolare delle indagini, sia dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Monza, oltre che vagliato positivamente dal Tribunale del Riesame) denaro contante per 130.000 euro e sette orologi ROLEX, dal valore complessivamente stimato di oltre 95.000 euro.

L’azione di servizio, svolta in stretta sinergia con l’Autorità Giudiziaria, sotto la direzione ed il coordinamento del Comando Provinciale di Monza, costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio assicurato dal Corpo ai fini del contrasto dell’usura, odiosa pratica criminale che tende ad ottenere ingenti guadagni sfruttando lo stato di bisogno di soggetti in gravi difficoltà, soprattutto avuto riguardo all’attuale scenario di congiuntura economica.

Per le condotte illecite al vaglio della competente A.G., sulla base del principio di presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagine sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna, a cui seguirebbe obbligatoriamente la confisca del profitto del reato di usura.



Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.