Il cordoglio della Città Metropolitana per la scomparsa del già Presidente della Provincia Michele Furfaro

Il sindaco facente funzioni Carmelo Versace ed il consigliere delegato Giuseppe Ranuccio hanno ricordato le straordinarie doti u...



Il sindaco facente funzioni Carmelo Versace ed il consigliere delegato Giuseppe Ranuccio hanno ricordato le straordinarie doti umane e politiche del politico palmese

«L’amministrazione metropolitana si stringe nel dolore della famiglia di Michele Furfaro, già presidente della Provincia di Reggio Calabria nei primi anni ‘90». E’ quanto scrivono, in una nota stampa, il sindaco facente funzioni, Carmelo Versace, ed il consigliere delegato, Giuseppe Ranuccio, rivolgendo il proprio «cordoglio all’intera comunità di Palmi, città che diede i natali al noto politico».

«Il suo impegno per la comunità – proseguono – è sempre stato contraddistinto per indiscussa passione e formidabile dedizione. Ne ricordiamo le grandi doti umane quando è stato chiamato a svolgere importanti ruoli istituzionali o cariche di prestigio all’interno del club service "Lions international"».

«In particolare – ha, quindi, sottolineato il consigliere Ranuccio – la città di Palmi non ha mai dimenticato lo spessore e l’autorevolezza dimostrati da Michele Furfaro fra i banchi di Palazzo San Nicola, sia da consigliere comunale sia da assessore».

«E’ stata una personalità di spicco che si è prodigata al massimo per la crescita del territorio», ha ribadito Ranuccio rimarcando il ruolo dell’ex presidente della Provincia «nella realizzazione di opere emblematiche come il Ponte vecchio, il liceo scientifico, la palestra provinciale “Surace” o il Monumento Cardone a Sant’Elia».

«La morte di Furfaro – ha concluso il consigliere metropolitano - lascia un grande vuoto nella comunità di Palmi, nel cuore di quanti hanno avuto l’onore e il privilegio di conoscerlo».





Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.