Celebrazione della Diversità: Giornata dei Calzini Spaiati al Campo Mimì Pellicano di Bocale

Il 2 febbraio 2024, alle ore 17:00, il campo Mimì Pellicano di Bocale sarà il palcoscenico di un evento unico, organizzato dalla...

Il 2 febbraio 2024, alle ore 17:00, il campo Mimì Pellicano di Bocale sarà il palcoscenico di un evento unico, organizzato dalla dottoressa Pavone dell'associazione MelanyArt, la Drssa DeLorenzo dell'Admo e il Bocale Calcio guidato da Pippo Cogliandro. Questa straordinaria giornata vedrà la celebrazione della diversità attraverso una iniziativa speciale: la Giornata dei Calzini Spaiati.

In collaborazione con Don Milani, la manifestazione mira a trasmettere un messaggio potente sulla ricchezza che nasce dalla diversità. Il Presidente Don Milani, rappresentato dal Dr Filippo Pollifroni, sottolinea l'importanza di superare i pregiudizi, aprendo la strada a nuove prospettive di vita.

La Giovanile Maschile del Bocale Calcio Admo sarà protagonista, entrando in campo con i calzini spaiati come simbolo tangibile di accettazione e inclusione. Questo gesto simbolico invita a riflettere sul fatto che le diversità arricchiscono la nostra esperienza umana, creando una società più inclusiva e aperta.

L'iniziativa non solo celebra la diversità attraverso il calcio, ma coinvolge anche l'arte, grazie all'impegno dell'associazione MelanyArt. La presenza della Drssa DeLorenzo dell'Admo sottolinea il sostegno della comunità locale a iniziative che promuovono la comprensione e l'uguaglianza.

La Giornata dei Calzini Spaiati promette di essere un evento memorabile, unendo la passione per lo sport, la consapevolezza sociale e la promozione di valori fondamentali. 

In un mondo che spesso lotta con le differenze, questa giornata si propone di dimostrare che abbracciare la diversità è il primo passo verso una società più armoniosa e inclusiva.

Luigi Palamara 

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.