La crisi di credibilità della classe dirigente: il caso di Reggio Calabria

La situazione politica a Reggio Calabria sembra riflettere un diffuso scetticismo verso la classe dirigente e la sua efficacia....


La situazione politica a Reggio Calabria sembra riflettere un diffuso scetticismo verso la classe dirigente e la sua efficacia. La mancanza di credibilità, l'inefficienza e altri difetti sono solo alcune delle critiche rivolte alla classe politica locale. Tuttavia, un aspetto cruciale che richiede attenzione è la competenza dei dirigenti e dei burocrati che operano nell'amministrazione.

La domanda che sorge spontanea è: i dirigenti e i burocrati sono veramente all'altezza delle loro responsabilità? O forse, a causa di una competenza non sempre eccelsa, finiscono per ostacolare gli indirizzi politici dell'amministrazione?

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha recentemente sollevato un importante dibattito attraverso un video trasmesso in diretta, denunciando il problema della pista ciclabile, o bike lane, mal costruita.

È da apprezzare il suo coraggio nel far emergere questa criticità, e il mezzo utilizzato Facebook è fra i più diretti e efficaci.

La questione non riguarda solo la comunicazione con i cittadini, ma affonda le radici in un problema atavico: dirigenti e funzionari che ricevono compensi e riconoscimenti, ma che spesso non sono in grado di contribuire allo sviluppo della città in modo significativo. È giunto il momento di un cambiamento radicale e di assumersi le responsabilità in modo trasparente.

È facile criticare una politica considerata vulnerabile e inconsistente, ma la vera sfida sta nell'affrontare i problemi strutturali e nell'implementare riforme concrete per migliorare la qualità della classe dirigente e, di conseguenza, la governance della città.
Questa è  l'occasione giusta per farlo.

Luigi Palamara

Reggio Calabria 21 febbraio 2024

#politica
#reggiocalabria #giuseppefalcomatà #bikelane #palamaraluigi #luigipalamara

@luigi.palamara La crisi di credibilità della classe dirigente: il caso di Reggio Calabria La situazione politica a Reggio Calabria sembra riflettere un diffuso scetticismo verso la classe dirigente e la sua efficacia. La mancanza di credibilità, l'inefficienza e altri difetti sono solo alcune delle critiche rivolte alla classe politica locale. Tuttavia, un aspetto cruciale che richiede attenzione è la competenza dei dirigenti e dei burocrati che operano nell'amministrazione. La domanda che sorge spontanea è: i dirigenti e i burocrati sono veramente all'altezza delle loro responsabilità? O forse, a causa di una competenza non sempre eccelsa, finiscono per ostacolare gli indirizzi politici dell'amministrazione? Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà ha recentemente sollevato un importante dibattito attraverso un video trasmesso in diretta, denunciando il problema della pista ciclabile, o bike lane, mal costruita. È da apprezzare il suo coraggio nel far emergere questa criticità, e il mezzo utilizzato Facebook è fra i più diretti e efficaci. La questione non riguarda solo la comunicazione con i cittadini, ma affonda le radici in un problema atavico: dirigenti e funzionari che ricevono compensi e riconoscimenti, ma che spesso non sono in grado di contribuire allo sviluppo della città in modo significativo. È giunto il momento di un cambiamento radicale e di assumersi le responsabilità in modo trasparente. È facile criticare una politica considerata vulnerabile e inconsistente, ma la vera sfida sta nell'affrontare i problemi strutturali e nell'implementare riforme concrete per migliorare la qualità della classe dirigente e, di conseguenza, la governance della città. Questa è l'occasione giusta per farlo. Luigi Palamara #politica #reggiocalabria #giuseppefalcomatà #bikelane #palamaraluigi #luigipalamara ♬ suono originale - Luigi Palamara

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.