FEDERICO MILIA (FI): ‘’Aumentare gli orari della musica nei locali del centro storico e del litorale durante l’estate, nelle prossime ore presenterò la proposta’’

Già 2 stagioni fa avevo sottoposto all’attenzione del Sindaco Falcomatà e della giunta la proposta per allungare gli orari per le emissioni ...

Già 2 stagioni fa avevo sottoposto all’attenzione del Sindaco Falcomatà e della giunta la proposta per allungare gli orari per le emissioni sonore nei pubblici esercizi per tutta la durata della stagione estiva.

Proposta che non aveva avuto alcun seguito, e che ha visto durante quella stagione la totale desertificazione del centro storico e del lungomare a causa del fallimentare ‘’Progetto dehors’’ della Via Marina Alta.

La tenacia non è mai troppa dicevano gli antichi, ho deciso quindi di sottoscrivere un’altra richiesta di modifica dell’Ordinanza Sindacale n. 34 del 2\8\22 che ad oggi prevede la chiusura della musica, dal 15 giugno al 30 settembre, nei locali serali all’1:30 ed alle 2:00 negli stabilimenti balneari.

Proporrò di allungare gli orari delle emissioni sonore, per tutti i locali serali e gli stabilimenti balneari fino alle 3:45, durante il periodo che va dal 15 giugno al 30 settembre, cosi da poter permetter a tutti gli imprenditori reggini di poter programmare una stagione di eventi che possa essere all’altezza di ogni altra Città turistica d’Italia. 

Il comparto del turismo giovanile e del rilancio del centro storico non possono prescindere dall’avere la possibilità di programmare eventi per i più giovani. 

Negarlo significa non conoscere l’indotto che questo genere di comparto apporta al territorio.

Provare a rendere Reggio una Città anche per i più giovani è sempre stato un punto fisso della mia agenda politica, e questo ritengo sia un piccolo passo per farlo.


Avv. Federico Milia

Consigliere Comunale 

Capogruppo Forza Italia


Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.