La Metrocity promuove lo Sport: a Palazzo Alvaro il workshop di approfondimento sulle nuove opportunità offerte al territorio per impianti e progetti sportivi

All'evento, aperto dai saluti del sindaco facente funzioni e dal Consigliere delegato Giovanni Latella, hanno preso parte i rappresentan...

All'evento, aperto dai saluti del sindaco facente funzioni e dal Consigliere delegato Giovanni Latella, hanno preso parte i rappresentanti dell'Istituto per il Credito Sportivo, del Coni, del Comitato Italiano Paralimpico e di Sport e Salute, oltre alle realtà sportive più virtuose del territorio e ai rappresentanti dei Comuni del comprensorio metropolitano


Le nuove opportunità di finanziamento contenute nel bando “Sport missione comune 2023” del Credito sportivo, rivolte a Comuni e società sportive per la costruzione o l’adeguamento di impianti sportivi, sono state al centro del workshop "Lo Sport è per Tutti, lo Sport è di Tutti", organizzato dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria e dall’Istituto di Credito Sportivo e con il patrocinio del Coni Calabria, del Cip Calabria e di Sport e Salute. Fra gli intervenuti, il sindaco metropolitano facente funzioni, Carmelo Versace, il consigliere delegato allo Sport, Giovanni Latella, ed il responsabile dell’Area Sud per il Credito Sportivo, Gianluca D’Antoni, hanno sottolineato «l’importanza che riveste il confronto su un tema particolarmente delicato per il nostro territorio e, più in generale, per l’intero Paese». Al tavolo dei relatori, fra gli altri, erano presenti anche il dirigente del settore Edilizia della Città Metropolitana, Giuseppe Mezzatesta, il presidente della Consulta metropolitana per lo Sport, Renato Raffa, Walter Malacrino, coordinatore regionale di Sport e Salute Calabria, e Giovanni Giarmoleo per il Comitato italiano Paralimpico.

Se D’Antoni ha raccontato la Città Metropolitana di Reggio Calabria quale «esempio virtuoso», il sindaco facente funzioni, Carmelo Versace, ha rilanciato «la proficua sinergia tra l’Ente ed il Credito Sportivo» che si è tradotta nei dati positivi sugli investimenti di settore realizzati dall’Ente nel 2022 e che verranno prodotti col nuovo bando in scadenza nel dicembre prossimo. «Abbiamo deciso di puntare fortemente sull’impiantistica sportiva – ha detto Versace – perché rappresenta un asset fondamentale per la crescita del territorio sia sotto l’aspetto agonistico sia per le ricadute economiche e sociali incarnate dallo sport vissuto a 360 gradi». «Questo bando – ha continuato il sindaco facente funzioni – è un altro elemento importante per i nostri Comuni e per le società sportive che possono contare sulle nostre strutture per rintracciare risorse che, altrimenti, rischierebbero di andare a vuoto». «Speriamo - ha concluso – che l’appello venga accolto da chi è deputato a svolgere questo lavoro sui singoli territori per far sì che nessuna occasione possa dirsi persa. Da questo punto di vista, si rilancia forte su un comparto che per noi è assolutamente strategico».

Anche il consigliere delegato Giovanni Latella ha ribadito «la volontà della Città Metropolitana di mettere i Comuni nelle condizioni di poter usufruire dei servizi economici offerti dal Credito sportivo per finanziare strutture esistenti o costruirne di nuove». «Per questo – ha affermato – attraverso questo workshop, abbiamo voluto accorciare le distanze fra i diretti interessati dal bando ed i responsabili dell’istituto di credito controllato dal Ministero dell’Economia e da Cassa depositi».

Gianluca D’Antoni, infine, è entrato nel merito delle opportunità offerte dal bando “Sport missione Comune 2023”: «I mutui proposti hanno un abbattimento totale degli interessi e possono permettere ai Comuni di realizzare nuove strutture o ristrutturare e mettere a norma impianti esistenti. In una fase storica particolarmente difficile per quanto riguarda l’accesso al credito, riuscire a godere di queste agevolazioni è davvero un’opportunità unica. I Comuni, infatti, sarebbero chiamati ad inserire nei propri bilanci soltanto la quota capitale».

«Parliamo – ha proseguito D’Antoni – di interventi su palestre, campi calcio, piscine, spazi polivalenti, Palazzetti dello Sport che necessitano di interventi e che si trovano di fronte ad un’occasione irripetibile. Nella nostra attività, contiamo di affiancare gli enti locali nelle procedure di realizzazione dei progetti e di accesso al nostro portale che è lo strumento sul quale produrre le varie richieste. La Città Metropolitana di Reggio Calabria, in questo contesto, rappresenta un esempio virtuoso su scala nazionale. Nel corso degli anni, infatti, abbiamo prodotto 24 interventi distribuiti sul territorio e, soltanto nel 2022, condiviso 8 operazioni per oltre 4,6 milioni che, a breve, diverranno cantieri».

«Il fatto che la Città Metropolitana e gli enti locali, così come la società sportive possono accedere al credito a tasso zero – ha ribadito – è una convenienza concreta e reale. Per fare un esempio, lo Stadio “San Nicola” di Bari è al centro di una riqualificazione per 11 milioni di euro e, l’anno prossimo, si presenterà in una veste totalmente nuova. Questo si può riproporre, in maniera proporzionata, anche per i Comuni con pochi abitanti. La nostra mission, dunque, prevede di intervenire su più comunità cosicché lo sport continui ad essere aggregazione sociale riportando i giovani all’aria aperta e fuori dall’isolamento spesso prodotto, purtroppo, dai tempi moderni e dalle nuove tecnologie».










Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.