Domani venerdì 30 giugno al Planetarium Pythagoras della Città Metropolitana di Reggio Calabria l'evento internazionale Asteroid Day

L'iniziativa, giunta quest'anno alla IX Edizione, punta a migliorare la conoscenza dei fenomeni naturali per evitare fen...



L'iniziativa, giunta quest'anno alla IX Edizione, punta a migliorare la conoscenza dei fenomeni naturali per evitare fenomeni di panico tra la popolazione

La scienza deve aiutare a conoscere meglio i fenomeni naturali per poter avere un approccio equilibrato rispetto ad eventi che, al solo sentir parlare, generano panico fra la popolazione. Questo è il caso degli asteroidi: troppi sono gli allarmismi, anche dei media, sull’argomento.

Per incoraggiare una più consapevole conoscenza su questi oggetti del nostro Sistema Solare è stato istituito nel dicembre del 2014 l’Asteroid Day: una giornata di sensibilizzazione dell’opinione pubblica per spiegare alla popolazione cosa sono questi nostri compagni di viaggio attorno al Sole e, se e perché possono costituire un pericolo per il nostro Pianeta.

La giornata scelta per questa iniziativa a cui aderiscono gli scienziati e non solo, di tutto il mondo è il 30 di giugno. Il 30 giugno 1908, nelle vicinanze del fiume Podkamennaya Tunguska nel nord dell’attuale regione di Krasnoyarsk, si verificò un’esplosione. La gran parte degli esperti ritiene che sia stata causata dall’impatto di un grande meteorite, un asteroide o anche una cometa.

Il Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria ha sempre aderito a questa importante iniziativa internazionale giunta alla nona edizione.
Il programma dell’evento che si svolgerà venerdì 30 giugno ore 21.00 sotto la cupola del Planetario reggino, prevede dopo i saluti istituzionali e l’introduzione della Professoressa Angela Misiano, Responsabile Scientifico del Planetario, la conversazione con Bruno Monteleone, esperto e collaboratore del Planetario, avente per titolo: “Asteroidi: piccoli, brutti e... cattivi?”

Seguirà, a cura dello Staff, una breve illustrazione del cielo stellato con particolare riferimento alle costellazioni estive e l’osservazione al telescopio con la Luna grande protagonista. La prenotazione non è obbligatoria l’ingresso è libero.





Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.