Marco non è andato via, ha spazzato la solitudine.

C'era una volta, in una piccola cittadina dell'Italia del Sud nel cuore dell'Aspromonte, un giovane di nome Marco. V...

C'era una volta, in una piccola cittadina dell'Italia del Sud nel cuore dell'Aspromonte, un giovane di nome Marco. Viveva in un'epoca in cui sembrava non esserci più spazio per coloro che desideravano veramente migliorarsi, che cercavano di costruire un mondo migliore e più autentico intorno a sé.

Nel cuore di Marco, però, risuonava ancora una voce, una guida che gli sussurrava all'orecchio: il cuore stesso. Era convinto che il battito che pulsava dentro di lui fosse il vero motore della sua esistenza. Ma nell'ansia di vivere e adattarsi a un sistema sempre più oppressivo, aveva smesso di ascoltarlo.

La sua mente, offuscata dalle regole e dalla burocrazia, gli faceva perdere la strada. Si sentiva perso, come in una deriva inarrestabile, in cui la sua creatività era soffocata da controlli e verifiche incessanti.

Ma Marco sapeva che c'era un modo per liberarsi da questa stretta mortale. Guardando intorno a sé, scoprì che altri cuori pulsavano allo stesso ritmo del suo. C'erano tanti individui che condividevano la stessa sete di autenticità e di libertà.

Comprese che l'importante era saper ascoltare, attendere e scegliere con saggezza. Marco capì che non poteva farsi spazio allontanando gli altri, ma solo tenendoli vicini e valorizzandoli. Perché era solo così che poteva conquistare un vero spazio nel mondo.

E così, Marco iniziò a dedicarsi alla sua passione, alla sua arte, condividendola con gli altri. Si unì ad altri sognatori, a coloro che, come lui, credevano che solo attraverso l'unione e il rispetto reciproco si potesse creare una società più giusta.

Il battito dei loro cuori, insieme, si fece sempre più forte, quasi impazzito. Era il suono della vita, quella vera. Marco e i suoi compagni sapevano di essere sulla strada giusta, quella che portava a un mondo migliore, più autentico e più giusto per tutti.

Così, attraverso le loro azioni, il loro impegno e il loro amore per l'umanità, Marco e i suoi compagni riuscirono a cambiare la realtà intorno a loro. Uno spazio per volta, riuscirono a costruire un luogo in cui la creatività fioriva, in cui la burocrazia cedeva il passo all'ispirazione e alla libertà.

E da quel momento, la terra in cui vivevano non fu più solo sulla carta. Era un luogo in cui i cuori battevano all'unisono, un luogo in cui la passione e il sentimento rendevano tutti uguali, capaci di costruire un futuro più luminoso e autentico.

Marco e i suoi compagni avevano imparato una lezione preziosa: la forza del cuore e la potenza dell'unione possono superare ogni ostacolo. E, così, continuarono a marciare insieme, pronti a costruire un mondo più vero, più giusto e più giusto per tutti, perché sapevano che il vero cambiamento inizia dentro di noi.

Attraverso il loro impegno costante, Marco e i suoi compagni riuscirono a ispirare altre persone ad unirsi alla loro causa. Si formò un movimento di cuori vibranti, desiderosi di rompere le catene dell'oppressione e della conformità. La loro voce si diffuse come un sussurro nel vento, raggiungendo ogni angolo della terra.

Le strade si riempirono di coloro che avevano scelto di ascoltare il richiamo dei loro cuori. La creatività tornò a danzare tra le vie della città, i muri divennero tele per le espressioni più autentiche, le menti si liberarono dalle catene della burocrazia.

La società iniziò a trasformarsi lentamente. Le persone impararono a vedere al di là delle apparenze, a valorizzare la diversità e a nutrire la solidarietà. I muri invisibili che separavano le classi sociali, le etnie e le ideologie crollarono, lasciando spazio a una nuova visione di unità e collaborazione.

Nella loro ricerca di un mondo migliore, Marco e i suoi compagni affrontarono sfide e ostacoli. Ma non si arresero mai, perché sapevano che la strada verso la giustizia e la libertà era fatta di piccoli passi coraggiosi. Lottarono per la protezione dell'ambiente, per l'uguaglianza sociale e per l'accesso all'istruzione per tutti.

Le loro azioni ispirarono un cambiamento profondo nelle istituzioni. La burocrazia si aprì alla creatività e all'innovazione, le leggi ingiuste furono riformate e l'istruzione divenne una priorità per garantire un futuro migliore alle generazioni successive.

Con il tempo, quel piccolo lembo di terra divenne un faro di speranza per il resto del mondo. Le persone affluivano da ogni angolo per toccare con mano il potere della passione e dell'amore in azione. I cuori battevano all'unisono, con una melodia che risuonava oltre i confini nazionali.

E così, Marco e i suoi compagni riuscirono a costruire intorno a loro quel mondo migliore che avevano tanto desiderato. Una comunità che abbracciava la diversità, che valorizzava il potere della creatività e che metteva al centro il benessere di ogni individuo.

L'eredità di Marco e dei suoi compagni persiste ancora oggi. La storia di quel piccolo paese nel cuore dell'Aspromonte dimostra che, nonostante le sfide e le avversità, l'amore e la determinazione possono trasformare la realtà. E così, chiunque si trovi ad attraversare quelle strade, può ancora sentire l'eco dei cuori che battono all'unisono, guidando le loro azioni verso un mondo più vero, più giusto e più umano. 

Luigi Palamara

Abstract dal libro di Luigi Palamara: Il Castello dei Sogni Incantati 


Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.