Palazzo Alvaro accoglie "Corde et ala", l'opera di Camillo Autore per la ricostruzione di Reggio Calabria

Il 12 giugno alle 17.00 nella Sala Umberto Boccioni l'inaugurazione del percorso espositivo che rimarrà disponibile fino al pros...



Il 12 giugno alle 17.00 nella Sala Umberto Boccioni l'inaugurazione del percorso espositivo che rimarrà disponibile fino al prossimo 28 giugno

Aprirà i battenti il prossimo lunedì 12 giugno nella Sala Umberto Boccioni di Palazzo Corrado Alvaro, sede della Città Metropolitana di Reggio Calabria, il percorso espositivo “Corde et ala. L’opera di Camillo Autore per la ricostruzione di Reggio Calabria”. La mostra, promossa dalla Città Metropolitana, è realizzata dall'Associazione Ulysses con la collaborazione dell’Archivio di Stato, della Curia diocesana di Reggio - Bova e del Comune di Reggio Calabria. Il percorso espositivo, ideato e curato da Marisa Cagliostro, presenta al pubblico l'attività svolta dall’Architetto Camillo Autore, in primo luogo all’interno degli Uffici comunale e provinciale, e poi da privato professionista, per la ricostruzione della città dopo il sisma del 1908.

L’occasione dell’iniziativa espositiva, che si apre alle 17,00 di lunedì 12 giugno, nasce dal riordino della donazione delle carte dell’Ingegnere-Architetto alla Biblioteca comunale “Pietro De Nava”, grazie alla disponibilità degli eredi e al tramite della Curatrice. Un gruppo di lavoro composto da archivisti di Stato (Maria Cristina Brandolino, Maria Pia Mazzitelli e Carmela Minarda), storici (Luciano Maria Schepis) e docenti di storia dell’arte (Roberta Filardi) ha condotto lo studio e la ricerca negli Istituti culturali cittadini: Archivio storico comunale, Archivio di Stato, Archivio storico diocesano e Biblioteca comunale di Reggio Calabria, individuando e selezionando documenti relativi a Camillo Autore, palermitano di nascita e allievo dell’architetto Ernesto Basile, arrivato in città il giorno dopo la laurea in Architettura conseguita a Palermo il 12 febbraio 1912.

Ingegnere di sezione presso l’Ufficio tecnico del Piano Regolatore prima e, dal 1914, ingegnere di sezione presso l’Ufficio tecnico provinciale, Autore progettò e realizzò molte opere di edilizia pubblica e civile. Trasferitosi a Messina, proseguì una vasta attività di ordine professionale nelle città dello Stretto e in molte altre città italiane.

I documenti individuati e selezionati per la Mostra sono stati regestati e inseriti, con foto d’epoca, immagini recenti e stampe, in dieci pannelli nei quali sono inclusi anche testi di commento storico e architettonico illustrativi dei contenuti. La mostra propone documenti, immagini e testo relativi alla biografia di Autore: elenco titoli, attestati, schede e note biografiche e critiche quindi testo, documentazione e foto riguardanti il Palazzo della Provincia (oggi Palazzo “Corrado Alvaro”), prestigiosa sede della Città Metropolitana, progettato dagli ingegneri Gaetano Spinelli e Rocco Leale nel 1913 e ultimato, nel 1915, da Camillo Autore che ne ha curato i lavori di finimento e decorazione.

Documenti, immagini e testi riguardano l’edilizia scolastica: l’Istituto Tecnico Piria, il Liceo-Convitto Tommaso Campanella, la Scuola elementare G. Carducci e le scuole rurali. Infine l’edilizia privata con i palazzi Valentino e Mazzitelli, la casa Zabban e le Case per impiegati dello Stato, di fronte il Museo Nazionale Archeologico, incluse nell’isolato 158. Su incarico del Genio civile e del Comune Autore progettò la Caserma dei RR CC, il Provveditorato e Catasto, il Lido, la via Marina (realizzato con modifiche), il monumento a Vittorio Emanuele III o Cippo e la fontana La luminosa, oggi in corso di riattivazione e restauro. Autore progettò anche alcune Chiese per conto dell’Opera Interdiocesana: Santa Maria dell’Itria, Santa Maria del Soccorso, Santa Caterina del Trivio, Spirito Santo, San Giorgio al Corso-Tempio della Vittoria e la canonica di Santa Lucia.
La Mostra che si propone è in gran parte inedita e contribuisce ad una maggiore conoscenza e valorizzazione della città ricostruita e del suo pregevole centro storico.

La mostra rimarrà esposta nella Sala Boccioni di Palazzo Alvaro dal 12 al 28 giugno 2023 e sarà aperta tutti i giorni dal lunedì al sabato. Sarà possibile prenotare visite guidate, alla mostra e al Palazzo, per gruppi e associazioni, telefonando al numero 3471713889

In allegato la locandina dell'evento. La presente è valida come invito per la stampa in occasione dell'inaugurazione del percorso espositivo che si terrà lunedì 12 giugno alle ore 17.00.

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.