La MetroCity ripropone la grande lirica all'Arena dello Stretto: il 21 agosto in scena "Pagliacci" di Ruggero Leoncavallo con l'Orchestra ed il Coro del Cilea

L'orgoglio del Consigliere delegato alla Cultura Filippo Quartuccio: "L'arte musicale più nobile deve tornare tra l...



L'orgoglio del Consigliere delegato alla Cultura Filippo Quartuccio: "L'arte musicale più nobile deve tornare tra la gente, la bellezza sia accessibile a tutti"

A Reggio Calabria torna la grande lirica targata Metrocity. Dopo il successo dello scorso anno con la rappresentazione di Norma di Bellini, anche quest'anno nello splendido scenario dell'Arena dello Stretto torneranno ad echeggiare i suoni della grande opera. L'appuntamento è fissato per il lunedi 21 agosto alle 21.30, nel cuore del Lungomare monumentale Italo Falcomatà. In scena "Pagliacci", dramma in due atti, libretto e musica di Ruggero Leoncavallo, opera emblema del verismo melodrammatico italiano, insieme a Cavalleria Rusticana, frutto del genio del compositore napoletano. Ad interpretarla l'Orchestra del Teatro "F. Cilea" insieme al Coro lirico “F. Cilea”.

"Una produzione straordinaria - commenta il Consigliere delegato alla Cultura della Città Metropolitana Filippo Quartuccio - un'altra perla di rara bellezza che rappresenta certamente uno degli eventi più prestigiosi del nostro calendario estivo. Da anni ormai, insieme al sindaco Giuseppe Falcomatà ed ora con il facente funzioni Carmelo Versace, ci siamo riproposti l'obiettivo di riportare l'arte lirica di fronte al grande pubblico, con eventi di richiamo, ad ingresso gratuito, capaci di coinvolgere l'intera cittadinanza reggina, che siano accessibili a tutti. Perché la lirica non deve essere intesa come un'arte elitaria o esclusiva, ma come un'occasione popolare di socialità e di condivisione, sotto l'aspetto culturale ma anche squisitamente emotivo. Siamo orgogliosi di riproporre un evento del genere in un contesto di rara bellezza come quello del nostro Lungomare. Dopo il successo dello scorso anno sarà un'altra serata magica, con un format che deve diventare familiare nella nostra città, capace di attrarre non solo la comunità ma anche turisti e visitatori".

L’opera "Pagliacci", la cui prima rappresentazione si tenne al Teatro dal Verme di Milano il 21 maggio 1892, a detta dello stesso Leoncavallo, si ispira a un delitto realmente accaduto a Montalto Uffugo, dove il compositore visse da bambino alcuni anni. Probabilmente anche l’ispirazione della vicenda rende un legame particolare tra l’opera e la Calabria.

La produzione, ad opera dell’Orchestra del Teatro “F. Cilea” vedrà protagonisti il Coro lirico “F. Cilea” e ovviamente l’Orchestra del Teatro, impegnati in questi mesi nelle produzioni estive di Taormina Arte. Per l’occasione, coro ed orchestra, saranno guidati dal Direttore principale di quest’ultima, il Maestro Alessandro Tirotta, bacchetta carismatica ed artista apprezzato a livello internazionale. Protagonista dell’Opera, in riva allo stretto, nel vero senso del termine, vista la location, sarà il tenore Walter Fraccaro (Canio), cantante tra i più prestigiosi in Italia e all’estero, per la prima volta a Reggio Calabria. Il tenore, dalla carriera internazionale e presente nei maggiori teatri del mondo, sarà affiancato dalla brava e bella presenza del soprano georgiano Elena Sabas (Nedda), soprano in auge con importanti esperienze in tutta Europa. La parte di Tonio, e quindi dell’affascinante Prologo, è affidata alla robusta voce del coreano Cesare Kwon, mentre la parte di Silvio, amante di Nedda, sarà affidata al baritono reggino (Scilla) Raffaele Facciolà, che si sta distinguendo in numerosi contesti e Festival prestigiosi. Completa il Cast la fresca voce del tenore Davide Benigno. La regia dell’opera, assieme alle luci e alla scelta dei costumi, è affidata al veterano Mario De Carlo, in una produzione tutta nuova e realizzata per il contesto e le esigenze di produzione, con l’ausilio del Graphic Designer Maurizio de Marco. Maestro del Coro Bruno Tirotta, Maestro collaboratore Andrea Calabrese, assistente alla regia Marco Labate, Artisti circensi “Giocolereggio”. Costumi della Sartoria Bianchi di Milano, assistente ai costumi Grazia D’Agostino, Trucco e Parrucco Alfredo Danese, Responsabile della produzione Angela Battaglia.

L'opera
La scena si apre con il prologo, affidato al baritono che interpreta Tonio, la sua funzione è di fungere da portavoce dell'autore e introdurre alla poetica e ai principi informatori dell'opera. La piccola compagnia teatrale itinerante formata da Canio, la moglie Nedda, Beppe e Tonio arriva in un paesino del sud Italia per mettere in scena una commedia. Silvio, contadino del luogo, è l'amante di Nedda, suo marito non sospetta alcun tipo di tradimento, ma una volta scoperti sul punto di promettersi amore Silvio fugge via, senza essere visto in volto. Il marito di Nedda è furioso con lei. Il pubblico freme e non può più aspettare, infatti, Beppe arriva dai due per sollecitare l'inizio della commedia. Niente da fare per Canio che non può far altro che cominciare a prepararsi per lo spettacolo. Alla fine di un intermezzo sinfonico, Canio deve fingere di impersonare un marito tradito. Ovviamente, data la sua condizione, la realtà prende il sopravvento sulla finzione e così riprende il discorso, mai concluso, con Nedda rinfacciandole di averlo tradito. La donna prova a mantenere i toni da commedia, ma nel momento in cui si sente minacciata li abbandona per reagire con scontrosità. Beppe vorrebbe intervenire, Tonio glielo impedisce ed intanto il pubblico inizia a capire che lo spettacolo che stanno osservando non ha più nulla a che vedere con la finzione. Nedda non ha il coraggio di nominare il nome del suo amante e Canio, di fronte a questo rifiuto, accoltella prima la moglie e poi Silvio, che era giunto in suo soccorso e si trovava a sedere tra il pubblico. Sarà Tonio (o Canio, a seconda delle scelte musicali e registiche) ad esclamare "La commedia è finita", nel gelo più totale.





Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.