SORPRESO A TAGLIARE E TRAFUGARE LEGNA ALL’INTERNO DEL PARCO NAZIONALE D’ASPROMONTE. I CARABINIERI FORESTALI DEFERISCONO UN SOGGETTO ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA.

Venerdì pomeriggio, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, coordinato dal Reparto Carabinieri Parco Nazionale Aspro...


Venerdì pomeriggio, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, coordinato dal Reparto Carabinieri Parco Nazionale Aspromonte di Reggio Calabria e finalizzato alla repressione dei reati ambientali, i militari della Stazione Carabinieri Parco di San Giorgio Morgeto hanno deferito in stato di libertà I.P., 61enne operaio, privo di pregiudizi di polizia e residente a Molochio, poiché sorpreso a tagliare e deprezzare materiale legnoso, nella fattispecie faggio, in località “Pietra Bollata/Serro Lungo” di Varapodio, all’interno del perimetro del Parco Nazionale d’Aspromonte. 

All’uomo, è stato contestato il reato di danneggiamento di piante ed introduzione di mezzi non consentiti dalla legge quadro sulle aree naturali protette ed è stato sanzionato in ossequio alle misure urgenti da adottare in materia di contenimento e gestione dell’emergenza pandemica da Covid-19.

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.