A Palazzo San Giorgio la presentazione del "Premio Internazionale Marco & Alberto Ippolito"

Conferenza stampa di presentazione della 21 edizione del "Premio Internazionale Marco & Alberto Ippolito" che si è tenuta il 1...

Conferenza stampa di presentazione della 21 edizione del "Premio Internazionale Marco & Alberto Ippolito" che si è tenuta il 17 Maggio ore 12.00 presso Palazzo San Giorgio, Sala dei Lampadari "Italo Falcomatà".

LE INTERVISTE


LA CONFERENZA STAMPA


Il Premio è fondato sul desiderio di favorire una agorà europea in cui i giovani di diverse nazioni possano confrontarsi e dibattere tematiche inerenti la loro condizione esistenziale e la situazione politico-sociale del villaggio globale. 

Organizzato e promosso dalla FNISM Federazione Nazionale degli Insegnanti, per la sua valenza educativa e formativa, ogni anno viene inserito nella programmazione delle singole scuole che lavorano per tutto il periodo in rete con il supporto delle varie agenzie territoriali, adottando una stessa metodologia ed un uguale sistema di valutazione.

Ogni edizione propone ai giovani esempi di professionalità nel campo dell’Arte, della Cultura, dell’Economia e della Scienza, che si siano distinti per l’eccellenza nei loro ambiti, e per sottolineare il principio che guida il Premio, elegge il “Cittadino Europeo, seguito dal Premio Amicizia”.Saranno presenti gli organizzatori, Leonardo Pangallo e Natina Cristiano Ippolito, e le istituzioni partners dell'iniziativa, Ass. Irene Calabrò e Sindaco ff Paolo Brunetti, i dirigenti e docenti degli istituti scolastici coinvolti.
 

Le iniziative organizzate nell'ambito della manifestazione sono previste a partire dal 17 al 21 maggio e vedranno la partecipazione di scuole italiane ed europee. Significative le presenze di personalità istituzionali della cultura internazionale.

 

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.