Promozione dell'arte e della cultura: accordo di collaborazione tra il Comune di Reggio Calabria e l'Accademia di Belle Arti

La soddisfazione dell'Assessora alla Cultura Irene Calabrò per la stipula del protocollo che sarà firmato dal sindaco facente funzioni P...

La soddisfazione dell'Assessora alla Cultura Irene Calabrò per la stipula del protocollo che sarà firmato dal sindaco facente funzioni Paolo Brunetti e dal direttore dell'Accademia Pietro Sacchetti  

La Giunta comunale di Reggio Calabria ha approvato lo schema di accordo di collaborazione con l'Accademia delle Belle Arti per gestire, in maniera coordinata, rilevanti attività di carattere artistico-culturale, puntando sulle potenzialità e la continua crescita del corso di Comunicazione e didattica dell'arte. Il documento verrà sottoscritto dal sindaco facente funzioni, Paolo Brunetti, e dal direttore dell'Accademia, Pietro Sacchetti, con un ruolo strategico che verrà svolto dall'assessorato comunale alla Cultura.

«E' una convenzione che opera nel presente e guarda in prospettiva», hanno affermato in una nota congiunta Brunetti e l'assessora Irene Calabrò rimarcando «l'importanza del dialogo fra le istituzioni del territorio».

«Attraverso questa iniziativa - hanno spiegato - l’amministrazione comunale e l’Accademia di Belle Arti lavoreranno all'unisono su iniziative di interesse comune relative ad eventi, mostre, pubblicazioni, nuove opportunità di accesso alla cultura per la valorizzazione delle comunità e del territorio, promozione di attività di studio, valorizzazione e ricerca del patrimonio artistico, archivistico e documentario. L'unico obiettivo è diffondere conoscenza e creare opportunità di lavoro, provando a rispondere all’esigenza espressa da un mercato che è alla continua ricerca di professionisti in possesso di approfondite conoscenze del complesso mondo museale e di competenze funzionali nel campo della valorizzazione delle specifiche realtà culturali, soprattutto in ambito curatoriale, didattico e comunicativo».

«Da questo connubio - hanno concluso Brunetti e Calabrò - non potranno che nascere opportunità di crescita per i nostri giovani e possibilità di valorizzazione per tutti quei beni che costituiscono un patrimonio sconfinato di bellezza artistica ed importanza storica».

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.