La storia triste del BORGO SOSPESO costruito su un PONTE

Forse ispirato dal Ponte Vecchio di Firenze. Ma con ben altro successo Chi non conosce il Ponte Vecchio di Firenze? Famoso per le case e bot...

Forse ispirato dal Ponte Vecchio di Firenze. Ma con ben altro successo

Chi non conosce il Ponte Vecchio di Firenze? Famoso per le case e botteghe costruite proprio sul ponte nel 1300. In un’altra parte del mondo esiste qualcosa di simile, ma ancora più particolare.

La storia triste del BORGO SOSPESO costruito su un PONTE

A Chongqing, in Cina, esiste un intero quartiere costruito sopra un ponte, a strapiombo sul fiume Liziang: un esempio della più moderna ingegneria infrastrutturale.

I motivi alla base dell’esistenza di questo bizzarro quartiere sono meramente di tipo economico e turistico: l’amministrazione locale ha voluto inventarsi qualcosa di talmente curioso e unico da attirare ondare di turisti.

Infatti, il quartiere è un quartiere turistico, composto da costruzioni e residenze in stile più occidentale, incastrate tra altre in stile più tradizionale cinese. Per accontentare tutti.

Nonostante sia ornato da bizzarri elementi, come uno scuolabus sospeso a mezz’aria, pupazzi e statue (tra cui una che rappresenta una miniatura del Cristo Redentore di Rio), questo quartiere turistico non ha avuto un gran successo.

Gli accesi colori con cui gli edifici sono stati dipinti, in contrasto con l’uggioso e grigio cielo della maggior parte dei giorni dell’anno in questa zona della Cina, non sono bastati a rendere questo quartiere sospeso una famosa attrazione di successo.

Oggi versa in condizioni di semi abbandono, desolato e malinconico, ma rimane comunque visitabile. Viene animato solo dai fattorini, che in sella ai loro motorini attraversano il villaggio in tutta fretta, passando davanti a serrature abbassate e statue silenziose e dai sorrisi sbiaditi.




Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.