Processo Miramare, ricorso in Cassazione assegnato alla sesta sezione

Reggio Calabria 1 giugno 2023. Il rientro del sindaco sospeso Giuseppe Falcomatà rimane ancora incerto. Non è ancora possibile stabilire una...

Reggio Calabria 1 giugno 2023. Il rientro del sindaco sospeso Giuseppe Falcomatà rimane ancora incerto. Non è ancora possibile stabilire una data precisa per il suo eventuale ritorno a Palazzo San Giorgio.

L'ultima notizia riguarda l'assegnazione del ricorso alla sesta sezione della Corte di Cassazione e ora si attende la fissazione della data per l'udienza.

È importante ricordare che la prescrizione del reato di abuso di ufficio è già maturata il 29 aprile 2023, tuttavia, affinché il diritto possa essere fatto valere, deve essere dichiarata dalla Corte di Cassazione durante la prima udienza, che molto probabilmente verrà fissata entro qualche mese .

Ci sono però diverse possibilità: il ricorso è stato accolto, ma durante la prima udienza potrebbe anche essere dichiarato inammissibile, determinando così la condanna definitiva di secondo grado e la conseguente caduta del sindaco e il conseguente scioglimento dell'intero Consiglio Comunale.

Nel caso in cui il ricorso venga dichiarato ammissibile, la Cassazione prenderà atto della prescrizione avvenuta e Giuseppe Falcomatà tornerà immediatamente a ricoprire la carica di sindaco del Comune di Reggio Calabria e della Città Metropolitana. Allo stesso modo, i consiglieri Giuseppe Marino, Armando Neri e Antonino Zimbalatti torneranno a occupare i loro seggi nell'aula consiliare Pietro Battaglia di Palazzo San Giorgio, e infine Giovanni Muraca rientrerà nel Consiglio Regionale della Calabria al posto di Billari.

Qualunque sia l'esito, la politica reggina subirà un cambiamento significativo e certamente nulla sarà come prima, si diceva così anche durante il Covid  .... alla fine poi nulla è cambiato. Ci resta solo da attendere ancora per poco .. si spera.


Luigi Palamara





Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.