"Bancarotta fraudolenta: Il caso del Senatore Mario Occhiuto mette in luce la fragilità della politica calabrese".

 "Bancarotta fraudolenta: Il caso del Senatore Mario Occhiuto mette in luce la fragilità della politica calabrese" Il caso del Sen...

 "Bancarotta fraudolenta: Il caso del Senatore Mario Occhiuto mette in luce la fragilità della politica calabrese"



Il caso del Senatore Mario Occhiuto, condannato per bancarotta fraudolenta, ha scosso la politica calabrese portando alla luce problematiche gravi che vanno oltre l'ambito giudiziario. L'implicazione di un esponente politico di rilievo come Occhiuto, membro di Forza Italia, in attività illecite ha sollevato interrogativi sulla responsabilità etica dei politici coinvolti e sulla necessità di una maggiore trasparenza nell'ambito della politica regionale.

La vicenda giudiziaria:

Il Tribunale di Cosenza ha condannato il Senatore Mario Occhiuto a 3 anni e 6 mesi di reclusione con l'accusa di bancarotta fraudolenta. La società di progettazione di edifici "Ofin", della quale Occhiuto era stato amministratore fino al 2011, è fallita nel 2014, e l'accusa sostenuta dalla Procura della Repubblica di Cosenza è che diverse somme di denaro, ammontanti a tre milioni di euro complessivi, siano state distratte prima del fallimento.

L'etica politica e il silenzio assordante:

La situazione ha sollevato notevoli preoccupazioni sulla presunta connessione tra Mario Occhiuto e suo fratello, Roberto Occhiuto, Presidente della Regione Calabria. Nonostante la condanna del Senatore, continuano a svolgere i propri ruoli politici senza che ci sia stato un richiamo chiaro da parte della politica e dei media. La mancanza di risposta a livello etico mette in discussione l'integrità del sistema politico e la fiducia dei cittadini nella classe dirigente.

Una politica clientelare e le conseguenze per la Calabria:

La Calabria, già alle prese con problemi strutturali e disuguaglianze sociali, si trova ora a confrontarsi con un'ulteriore crisi derivante dalla mancanza di responsabilità politica. Il clientelismo e la mancanza di competenze reali in ogni settore hanno portato alla perdita di milioni di euro, contribuendo alla rovina della regione. Mentre la politica calabrese continua ad aumentarsi gli stipendi ea osare incarichi senza riguardo per l'effettiva capacità dei candidati, la Calabria subisce le conseguenze di una gestione irresponsabile.

Rompiamo il silenzio:

In questo contesto, è fondamentale che la società civile, i media e gli organismi di controllo mettano in luce il comportamento dei politici coinvolti. Non possiamo permettere che il silenzio e l'inerzia contribuiscano al declino della Calabria e dell'Italia nel suo complesso. Evidenziare ogni giorno la vera natura dei rappresentanti politici è un passo fondamentale per riaffermare l'importanza dell'etica nella politica e riconquistare la fiducia dei cittadini.


Il caso del senatore Mario Occhiuto e la sua condanna per bancarotta fraudolenta hanno portato alla luce l'individualità del sistema politico calabrese. La mancanza di reazioni adeguate da parte della politica e dei media solleva domande sulla responsabilità e l'etica nella gestione del potere. Rompere il silenzio è cruciale per riportare l'attenzione sulle questioni cruciali che la Calabria affronta, garantendo così una maggiore trasparenza e un migliore futuro per la regione e il paese nel suo insieme.

 "Città Metropolitana di Reggio Calabria: Una lotta per le funzioni e la responsabilità istituzionale"


La Città Metropolitana di Reggio Calabria continua ad essere oggetto di una disputa politica che sta causando danni irreversibili per l'intero territorio. Il Presidente Roberto Occhiuto, nonostante le richieste e le pressioni, sembra restio a cedere le funzioni previste dalla legge alla Città Metropolitana. Questa situazione, unica nel suo genere in Italia, sta mettendo a dura prova la regione e sta creando difficoltà nel governo e nella gestione del territorio reggino. È arrivato il momento di intervenire e porre fine a questa situazione, identificando le responsabilità e garantendo una corretta applicazione della legge.

La situazione della Città Metropolitana di Reggio Calabria:

La Città Metropolitana di Reggio Calabria, istituita nel 2014 come risultato della riforma delle autonomie locali, ha il compito di coordinare e gestire funzioni di interesse sovracomunale. Tuttavia, a differenza delle altre Città Metropolitane italiane, Reggio Calabria è l'unica che continua a non avere assegnate le funzioni previste dalla legge. Questa mancanza sta creando un vuoto istituzionale che sta gravemente danneggiando la gestione del territorio e l'erogazione dei servizi pubblici.

Il ruolo del Presidente Roberto Occhiuto:

Il Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, ha un ruolo chiave nella definizione delle funzioni della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Nonostante le richieste e le pressioni per rispettare la legge e assegnare le funzioni, Occhiuto sembra resistere a cedere il controllo su determinati ambiti. Questo atteggiamento sta creando tensioni politiche e sta mettendo in serie difficoltà l'intero territorio reggino.

L'impatto negativo sulla Città Metropolitana:

La mancata assegnazione delle funzioni alla Città Metropolitana di Reggio Calabria sta causando un danno enorme ed irreversibile. La mancanza di competenze e poteri adeguati sta impedendo una corretta pianificazione e gestione del territorio, il coordinamento dei servizi pubblici, l'attuazione di politiche di sviluppo e la promozione di iniziative economiche e culturali. Questa situazione sta avendo un impatto negativo sulla qualità della vita dei cittadini e sull'economia locale.

Identificare le responsabilità e intervenire:

È fondamentale identificare le responsabilità di questa situazione e porre fine a questo stallo istituzionale. La legge è chiara riguardo alle funzioni delle Città Metropolitane, e la Città Metropolitana di Reggio Calabria non può essere l'eccezione. Bisogna garantire che la Città Metropolitana abbia i poteri e le risorse necessarie per svolgere le sue funzioni in modo efficace ed efficiente.

La necessità di rispettare la legge:

Il rispetto della legge è fondamentale per il corretto funzionamento delle istituzioni e per garantire il benessere dei cittadini. Il Presidente Occhiuto deve adempiere al suo dovere istituzionale e concedere le funzioni alla Città Metropolitana di Reggio Calabria, come previsto dalla legge. Solo attraverso una collaborazione efficace tra le istituzioni sarà possibile affrontare le sfide che la regione sta affrontando e garantire un futuro migliore per tutti i cittadini reggini.

La Città Metropolitana di Reggio Calabria sta vivendo un momento critico a causa della mancata assegnazione delle funzioni previste dalla legge. Il Presidente Roberto Occhiuto ha un ruolo cruciale nella risoluzione di questa situazione e deve agire nell'interesse del territorio e dei cittadini reggini. È arrivato il momento di porre fine a questa disputa politica e garantire una corretta applicazione della legge, consentendo alla Città Metropolitana di svolgere le sue funzioni in modo efficace ed efficiente per il bene della regione e di tutti i suoi abitanti.

Luigi Palamara


Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.