Esclusione Reggina, Brunetti e Versace: "Gravissima ingiustizia. La società faccia valere le sue ragioni e ribalti il giudizio nei gradi successivi. Con responsabilità noi ci muoveremo per tutelare il titolo sportivo"

"Una grave ingiustizia, un colpo pesantissimo inferto all'intero movimento sportivo calabrese". Commentano così i ...


"Una grave ingiustizia, un colpo pesantissimo inferto all'intero movimento sportivo calabrese". Commentano così i sindaci facenti funzioni del Comune di Reggio Calabria e della Città Metropolitana, Paolo Brunetti e Carmelo Versace, il dispositivo emesso dal Collegio di Garanzia del Coni che ha confermato l'esclusione della Reggina 1914 dal campionato di Serie B.

"Non è il momento di disunirci - aggiungono - ma certamente la società dovrà dare conto, con chiarezza e trasparenza, di questo disastro che ricade sulle spalle dei tifosi e di tutti gli appassionati. La città pretende di sapere se ci sono aspetti che non conosciamo e che stanno determinando questa assoluta severità nei giudizi verso la nostra squadra. Lo ripetiamo: il calcio, ancor più in una realtà come la nostra, non è solo uno sport; la Reggina, a prescindere da chi ne detiene temporaneamente il titolo, è anzitutto un patrimonio identitario della Città. Ci spiace che le istituzioni che dovrebbero rappresentarla a livello nazionale, a cominciare da autorevoli esponenti della maggioranza di governo, non se ne rendano conto, non esponendosi per difendere la maglia amaranto".

"Adesso ci auguriamo che nei successivi gradi di giudizio, a partire dal ricorso al Tar, la Società con i suoi legali sia nelle condizioni di far valere le sue ragioni, ribaltando questa assurda situazione. Da istituzioni territoriali - specifica infine il sindaco facente funzioni Paolo Brunetti - ci muoveremo da subito, in maniera responsabile, tutelando il titolo sportivo, a questo punto anche a prescindere dalla categoria".

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.