Ok dall'assemblea dei soci per il piano di ammortamento di Castore: "Stabilizzazione budget indispensabili alla garanzia dei servizi"

Versace, Brunetti e Gangemi: "La Società avrà più certezze rispetto all’imponente lavoro di ricucitura svolto negli ultimi ...



Versace, Brunetti e Gangemi: "La Società avrà più certezze rispetto all’imponente lavoro di ricucitura svolto negli ultimi anni"

L’assemblea dei soci di Castore ha definito la situazione contabile al 31 maggio 2023 ed ha programmato il piano di ammortamento dei debiti con l’erario per «dare stabilità e nuova linfa alla società di servizi di Città Metropolitana e Comune di Reggio Calabria». Questo l’esito della riunione odierna che ha visto partecipare, insieme ai vertici aziendali ed ai revisori contabili dell’azienda “in house”, i sindaci facente funzioni Carmelo Versace e Paolo Brunetti e l’assessore comunale alle Partecipate, Francesco Gangemi.

«La misura – hanno detto gli amministratori – prevista e necessaria permette alla società di mantenere stabilità operativa e finanziaria in un momento molto delicato per tutte le imprese di settore. Dal Cda abbiamo raccolto ampie garanzie su un’operazione che, per certi versi, risponde agli obblighi imposti dal “Codice della crisi” e che ha già risolto una prima pendenza con Inail. Adesso, la dilazione dei pagamenti permetterà di agire su un canone fisso che, nei prossimi anni, sarà fondamentale per orientare al meglio le prossime scelte della società in una chiave squisitamente finanziaria».

«Con l’approvazione del bilancio previsionale del Comune di Reggio Calabria – hanno, poi, specificato i sindaci facente funzioni e l’assessore comunale – si andrà ad avere un’ulteriore disponibilità di liquidità che consentirà di adempiere a diverse anticipazioni inserite in un riordino complessivo delle economie societarie così da infondere maggiore sicurezza al prosieguo delle attività di una delle più importanti e delicate realtà aziendali del territorio». Per Versace, Brunetti e Gangemi, dunque, «continuano ad aprirsi scenari interessanti per Castore che, attraverso la stabilizzazione dei budget indispensabili alla garanzia dei diversi servizi, avrà ancora più certezze rispetto all’imponente lavoro di ricucitura svolto negli ultimi anni».

«Il futuro – concludono – appare meno nebuloso per un’azienda che rappresenta, davvero, una delle figlie predilette dell’amministrazione pubblica locale. Con convinzione e determinazione, infatti, seguendo quello che ha rappresentato uno dei punti di cardine delle linee di mandato del sindaco Giuseppe Falcomatà, abbiamo voluto internalizzare i servizi, chiudendo definitivamente col passato, ed i passi che si stanno portando avanti, grazie soprattutto all’operatività del management ed alla collaborazione dei lavoratori, stanno dando ragione ad una scelta che premia gli sforzi di un’intera classe dirigente».




Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.