GDF REGGIO CALABRIA: SEQUESTRATI OLTRE 400 MILA EURO AD UN’ASSISTENTE SOCIALE DI REGGIO CALABRIA PER AVER CIRCONVENUTO, IN CONCORSO CON IL MARITO, MEDICO SPECIALISTA, UN’ANZIANA DONNA.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA GDF REGGIO CALABRIA: SEQUESTRATI OLTRE 400 MILA EURO AD UN’ASSISTENTE SOCIALE...

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA
GDF REGGIO CALABRIA: SEQUESTRATI OLTRE 400 MILA EURO AD UN’ASSISTENTE SOCIALE DI REGGIO CALABRIA PER AVER CIRCONVENUTO, IN CONCORSO CON IL MARITO, MEDICO SPECIALISTA, UN’ANZIANA DONNA.


I finanzieri del Comando Provinciale Reggio Calabria, nei giorni scorsi, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria nei confronti di un’assistente sociale di Reggio Calabria e del coniuge, medico specialista.


I finanzieri del Comando Provinciale Reggio Calabria, nei giorni scorsi, nell’ambito di un servizio finalizzato alla repressione dei delitti contro il patrimonio mediante frode, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria nei confronti di un’assistente sociale di Reggio Calabria e del coniuge, medico specialista.

I coniugi sono indagati - fatte salve le successive valutazioni in merito all’effettivo e definitivo accertamento delle responsabilità - per il reato ex art. 643 del Codice Penale perché, abusando delle rispettive posizioni e della condizione di vulnerabilità di una donna di 87 anni di Reggio Calabria, oggi 91enne, provata prima dalle malattie delle figlie e poi dal lutto per la perdita di una di loro, nonché sfruttandone il bisogno di assistenza una volta rimasta sola, avrebbero indotto l’anziana donna a compiere una serie di atti patrimoniali per sé pregiudizievoli, appropriandosi, nell’arco di circa due anni, di oltre 400 mila euro.

La vicenda nasce nel 2019, allorquando l’assistente sociale, che prestava servizio presso la struttura ove si trovava ricoverata la figlia dell’anziana donna, instaurava con quest’ultima un’assidua ed interessata frequentazione, non giustificata da alcun rapporto di reale affetto, rendendosi disponibile per assisterla nelle necessità quotidiane e ottenendo la sua fiducia. Il marito, successivamente, si sarebbe adoperato con successo, ottenendo il rilascio delle certificazioni mediche necessarie, affinché l’anziana donna fosse ricoverata presso una determinata casa di riposo di Reggio Calabria, ove effettivamente veniva ricoverata poche settimane dopo il lutto.

L’assistente sociale, dunque, con il pretesto di prendersi cura della casa, avrebbe indotto l’anziana donna a consegnarle le carte di pagamento, a rilasciarle deleghe ad operare ed a cointestarle nuovi rapporti postali e bancari sui quali faceva transitare, oltre alla pensione dell’anziana donna, il rimborso di titoli e polizze di cui l’anziana era titolare, appropriandosi delle somme ivi confluite con successivi prelievi di contanti, emissione di assegni poi depositati su conti personali e trasferendo parte del denaro, a mezzo bonifici, sui conti cointestati con il marito.

Per quanto sopra, all’esito delle indagini di polizia giudiziaria, eseguite dal Gruppo di Reggio Calabria, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, ha emesso un decreto di sequestro preventivo d’urgenza, successivamente convalidato dal Tribunale, dei rapporti finanziari intestati ai coniugi indagati, fino alla concorrenza dell’ingiustificato profitto economico, pari a 419.524,26 euro, procuratosi a danno dell’anziana donna.

L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria sul territorio - nel solco delle puntuali indicazioni dell’Autorità Giudiziaria reggina - a salvaguardia delle leggi e a contrasto dei fenomeni connotati da forte pericolosità sociale, come ad esempio le frodi ai danni di anziani e delle fasce più deboli della popolazione.

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.