PESTE SUINA, EMERGENZA A REGGIO: CANNIZZARO CHIEDE COSTITUZIONE DI UNITA' DI CRISI. LUNEDI' RIUNIONE IN PREFETTURA.

“Coinvolgendo l’Assessore all’Agricoltura della Regione Calabria ed il Prefetto di Reggio Calabria, ho richiesto la convocazione...

“Coinvolgendo l’Assessore all’Agricoltura della Regione Calabria ed il Prefetto di Reggio Calabria, ho richiesto la convocazione di una riunione urgente e quindi la costituzione di una Unità di Crisi regionale, per affrontare al meglio l’emergenza legata alla peste suina africana che si è abbattuta in particolare sulla provincia di Reggio Calabria, causando grandi difficoltà in diversi Comuni del territorio, ed anche alla categoria dei cacciatori, come sollecitato dalle associazioni di riferimento.”

A dirlo è l’Onorevole Francesco Cannizzaro, Vice Capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, rendendo nota la notizia che su sua proposta all’Assessore regionale al ramo, d’intesa con il Prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani, per lunedì 7 agosto è stata convocata una riunione presso l’Ufficio Territoriale del Governo, al fine di attuare un’attenta disamina sullo stato dell’emergenza Peste Suina Africana e sulle attività ad oggi poste in essere, quindi utile per stabilire nuovi percorsi attuativi. Una riunione pienamente condivisa anche dal Presidente della Regione, Roberto Occhiuto, sempre particolarmente vigile sulle dinamiche legate all’ambiente.

“Ho ritenuto necessario proporre questa riunione al mio amico Assessore Gianluca Gallo ed a Sua Eccellenza il Prefetto Mariani – spiega Francesco Cannizzaro - per fare il punto della situazione e chiarire le attività in atto e quelle da pianificare, in base anche al Piano Straordinario per il contenimento della fauna selvatica recentemente pubblicato su Gazzetta Ufficiale, per il quale la Regione Calabria si sta attivando per definire il proprio. Queste iniziative mirano a porre in essere, in sinergia con tutte le Istituzioni a vario titolo coinvolte, una serie di contromisure orientate a fronteggiare l’emergenza e salvaguardare il patrimonio zootecnico della suinicoltura calabrese, puntando nel contempo anche al coinvolgimento, in maniera fattiva, del mondo venatorio, quale supporto necessario alla gestione della malattia.”

Oltre al padrone di casa, S.E. Massimo Mariani, ed al richiedente dell’Unità di Crisi, On. Francesco Cannizzaro, al tavolo convocato presso la Prefettura di Reggio Calabria lunedì alle ore 11 parteciperanno: il Commissario straordinario PSA, il Prefetto della Provincia di Catanzaro, il Prefetto della Provincia di Cosenza, il Prefetto della Provincia di Crotone, il Prefetto della Provincia di Vibo Valentia, il Dirigente generale Dipartimento Agricoltura – Regione Calabria, il Dirigente generale Dipartimento Ambiente – Regione Calabria, il Dirigente generale Dipartimento Protezione Civile – Regione Calabria, i Direttori dei Dipartimenti di prevenzione di tutte le ASP della Calabria, il Presidente ANCI regionale, il Presidente Associazione Comuni dell’Area dello Stretto, il Presidente Associazione Sindaci della Piana di Gioia Tauro, il Presidente Associazione Sindaci della Locride, il Presidente Associazione Sindaci dell’Area Grecanica, il Comandante dei Carabinieri NAS, il Comandante dei Carabinieri Forestali, il Questore della Polizia di Stato, il Comandante della Guardia di Finanza.

“Inoltre – aggiunge il parlamentare reggino – subito dopo la riunione in Prefettura, con l’Assessore Gallo abbiamo convenuto di recarci presso il Comune di Calanna, uno dei territori maggiormente colpiti, per mettere in atto un tavolo di confronto in loco, coinvolgendo i Sindaci del comprensorio. Per l’occasione, ritengo preziosissima anche la presenza di squadre di cacciatori e delegati delle Associazioni di categoria, perché li considero veri e propri protettori del territorio, in virtù della loro serietà e lealtà verso l’ambiente.”   

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.