Senza la Giustizia del cuore si muore.

Ci siamo talmente abituati al dolore degli altri che rimaniamo insensibili al nostro, almeno fino a quando non ci travolge. Oram...


Ci siamo talmente abituati al dolore degli altri che rimaniamo insensibili al nostro, almeno fino a quando non ci travolge.

Oramai in Italia si è giunti ad un livello di approssimazione ad ogni livello Istituzionale che rasenta il grottesco.

Nessuna Giustizia. Nessuna Democrazia.
Solo ed esclusivamente burocrati svogliati, distratti e menefreghisti.

Poi la paura ci rende talmente vigliacchi da abbassare sempre la testa e continuare a fare le pecore.

Non c'è felicità senza Giustizia, non c'è vita sociale senza Giustizia, non c'è Democrazia senza Giustizia.

Giustizia per i deboli.  I potenti se la cavano sempre perché coperti dal popolo assente. Il popolo si deve svegliare per uscire da questo moderno medioevo che ha preso una velocità inarrestabile ed è prossimo ad una disgregazione sociale definitiva.

Sono solo riflessioni ... fino a quando non ci toccano personalmente. Nessuno è escluso. Sic et simpliciter!

Luigi Palamara 

Reggio Calabria 8 aprile 2024

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.