Accolte a Palazzo Alvaro Matilde Malara e Anna Chiara Chirico, campionesse regionali di Karate

Il Consigliere metropolitano delegato allo Sport Giovanni Latella ha consegnato due coppe al merito alle due giovani atlete della società Fo...

Il Consigliere metropolitano delegato allo Sport Giovanni Latella ha consegnato due coppe al merito alle due giovani atlete della società Fortitudo 1903

Il Consigliere metropolitano delegato allo Sport ha accolto a Palazzo Alvaro Anna Chiara Chirico e Matilde Malara, le due giovani campionesse, atlete di interesse nazionale, che hanno vinto il campionato regionale esordienti di Karate.

Poche settimane fa a Pizzo Calabro le due atlete della Fortitudo 1903, storica società sportiva reggina, hanno sbaragliato la concorrenza classificandosi al primo posto della graduatoria regionale e qualificandosi per il campionato italiano esordienti riconosciuto dal Coni, cui hanno partecipato 18 società sportive operanti in Calabria.

La Fortitudo 1903 presieduta dal prof. Riccardo Partinico si è classificata prima a livello regionale grazie al brillante risultato delle due atlete: Matilde Malara, 35 kg medaglia d'oro allenata dal tecnico Alessandra Benedetto, ed Anna Chiara Chirico, 62 kg, medaglia d'oro allenata dai tecnici Alessandra Benedetto e Rossella Zoccali.

Due straordinari risultati che sono valsi il plauso della Città Metropolitana che, attraverso il Consigliere delegato allo Sport Giovanni Latella, ha consegnato alle due giovanissime atlete il riconoscimento di una coppa al merito sportivo. "Siamo felici di poter celebrare la gioia e la passione di queste piccole straordinarie atlete - ha affermato Latella - che tra mille sacrifici si allenano quotidianamente raggiungendo i massimi livelli della loro disciplina. Nonostante la giovane età Matilde e Anna Chiara sono già due atlete di tutto rispetto, capaci di affermarsi in prestigiose competizioni a livello regionale e nazionale. Un plauso quindi al loro impegno, ma anche al lavoro davvero encomiabile della società che le ha accolte, dando loro l'occasione di crescere non solo sportivamente, secondo i valori sani dello sport, dell'amicizia e del rispetto delle regole, accompagnando la loro passione verso una disciplina affascinante come il Karate".




Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.