Conclusa a Palazzo Alvaro la cerimonia di dissoluzione del Mandala tibetano

Una suggestiva ed emozionante cerimonia ha segnato la fine del tradizionale rituale del Mandala prodotto dai monaci tibetani del Monastero d...

Una suggestiva ed emozionante cerimonia ha segnato la fine del tradizionale rituale del Mandala prodotto dai monaci tibetani del Monastero di Gaden Jangtse Tsawa Khangtsen

Con un'emozionante cerimonia di dissoluzione si è chiusa l'esperienza del Mandala, simbolo spirituale della tradizione buddhista, a Palazzo Alvaro, sede della Città Metropolitana di Reggio Calabria. I monaci tibetani del Monastero di Gaden Jangtse Tsawa Khangtsen hanno concluso nel pomeriggio, di fronte ad un folto pubblico di curiosi, le loro cerimonie.

Presente alla cerimonia conclusiva il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana Carmelo Versace, che a nome della Città Metropolitana ha ringraziato i monaci ed i rappresentanti dell'Istituto Thubten Shedrub Ling di Reggio Calabria, centro di meditazione e studi del buddhismo tibetano, che anche quest'anno, per la seconda volta, hanno scelto di svolgere la tradizionale e suggestiva cerimonia all'interno del Palazzo istituzionale della Città Metropolitana.

"Un grande onore per noi - ha affermato Versace - poter ospitare un momento di altissima spiritualità, una tradizione millenaria che richiama al valore della meditazione e della lentezza, ben al di là degli aspetti prettamente religiosi, ma in un contesto culturale capace di produrre opere d'arte di grandissimo pregio come appunto la creazione artistica del Mandala. Siamo felici che il nostro Palazzo sia sempre brulicante di iniziative, oggi diventato un nuovo punto di riferimento per la cittadinanza che, soprattutto nelle ore pomeridiane, partecipa volentieri ad iniziative culturali, artistiche, convegni, momenti di confronto e di approfondimento. Credo sia davvero una ricchezza per il territorio. Grazie all'attenta programmazione portata avanti in questi anni su indirizzo del sindaco Falcomatà, grazie ad una collaborazione costante dell'Amministrazione metropolitana con le realtà culturali ed associative del nostro territorio, Palazzo Alvaro oggi è un centro pulsante di cultura, di arte, di confronto politico e democratico".

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.