Una "chiamata alle arti" per il Comune di Reggio Calabria: sottoscritta la convenzione con l'Accademia

A firmare l'accordo di collaborazione il sindaco facente funzioni del Comune Paolo Brunetti ed il Direttore dell'Accademia Pietro Sa...

A firmare l'accordo di collaborazione il sindaco facente funzioni del Comune Paolo Brunetti ed il Direttore dell'Accademia Pietro Sacchetti. Presente l'Assessora comunale alla Cultura Irene Calabrò che ha promosso la sinergia con il polo artistico cittadino

E' stato sottoscritto nei giorni scorsi nella Sala dei Sindaci di Palazzo San Giorgio, l'accordo di collaborazione tra il Comune di Reggio Calabria e l'Accademia di Belle Arti della città dello Stretto. Il protocollo è finalizzato alla gestione condivisa e coordinata di rilevanti attività di carattere artistico-culturale, puntando sulle potenzialità e la continua crescita del corso di Comunicazione e didattica dell'arte. A sottoscrivere la convenzione il sindaco facente funzioni del Comune Paolo Brunetti ed il Direttore dell'Accademia Pietro Sacchetti. Presente anche l'Assessora comunale alla Cultura Irene Calabrò che ha promosso l'accordo di collaborazione.

"Il protocollo - ha spiegato a margine della firma l'Assessora Calabrò - è certamente una buona notizia per il mondo della cultura e dell'arte nella nostra città. La sottoscrizione dell'accordo ci consentirà di programmare, in maniera condivisa e partecipata, insieme con le valenti professionalità dell'Accademia di Belle Arti, le future attività che l'Amministrazione comunale intende perseguire. In particolare l'interesse della collaborazione guarda alla realizzazione di eventi, mostre, pubblicazioni, attività di promozione del territorio, delle sue risorse umani, culturali, storiche, paesaggistiche, anche e soprattutto in termini di valorizzazione del patrimonio artistico, archivistico, documentario".

"In questo modo - ha aggiunto Calabrò - mettiamo anche l'Accademia di Belle Arti, uno dei centri di produzione artistica più fervidi del nostro territorio e nell'intera regione, di affinare le qualità e le capacità professionali dei propri studenti, creando occasioni formative ed esperienziali, in campo artistico, che potranno poi essere utilizzate in ambito lavorativo dagli stessi studenti, sia in ambito privato che attraverso collaborazioni con la pubblica amministrazione".

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.