Versace: "In Italia tante sanità differenti. Serve più coraggio da parte delle istituzioni"

Il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana è intervenuto alla tavola rotonda "La salute diseguale" tenutasi...


Il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana è intervenuto alla tavola rotonda "La salute diseguale" tenutasi a Palazzo Alvaro

Il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana, Carmelo Versace, è intervenuto alla tavola rotonda “La salute diseguale”, tenutasi a Palazzo Alvaro, parlando di «sanità come diritto sancito dalla nostra Costituzione». «Eppure - ha aggiunto - in ambito nazionale, assistiamo a tante sanità, dove l’attenzione per il paziente spesso cede il passo a quella per la malattia».

«Se un paziente non viene curato come dovrebbe - ha proseguito Versace - le ripercussioni si riverberano, inevitabilmente, sulla vita sociale e sull’ambiente che ci circonda. Star bene, infatti, significa anche potersi dedicare meglio alle nostre attività quotidiane, con rendimenti, magari, diversi».

«Negli ultimi decenni - ha sottolineato il sindaco facente funzioni - la medicina ha fatto tanto in tema di ricerca, ma potrebbe certamente fare di più se solo avessimo il coraggio di puntare sulle tante eccellenze che abbiamo sui nostri territori. A volte, ci lamentiamo di un servizio pubblico che non sempre riesce a sopperire alle esigenze dei nostri concittadini, ma fortunatamente abbiamo delle eccellenze nel settore privato che ci danno la possibilità di curarci e di farlo nei migliori dei modi».

«Quindi - ha concluso Carmelo Versace - dobbiamo provare, come istituzioni, a fare la nostra parte perché, oltre ad essere un obbligo morale, è, soprattutto, uno dei compiti del ruolo che siamo stati chiamati a svolgere. In maniera molto sommessa, dobbiamo provare a farlo».





Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.