L'Assistenzialismo: Una Parola Strumentalizzata e una Società Divisa

Nel mondo di oggi, la disparità tra chi possiede tutto e chi lotta per sopravvivere continua ad allargarsi. Una triste realtà in...


Nel mondo di oggi, la disparità tra chi possiede tutto e chi lotta per sopravvivere continua ad allargarsi. Una triste realtà in cui la solidarietà sembra essere scomparsa, lasciando spazio all'egoismo e all'invidia. La parola "assistenzialismo" è stata strumentalizzata, privata del suo vero significato nobile e trasformata in un termine accusatorio verso chi cerca di aiutare i meno fortunati. Questo fenomeno ha contribuito a dividere la società in due categorie ben distinte: coloro che hanno tutto e di più, e quelli che vivono di stenti.

In un contesto in cui chi sta bene sembra non preoccuparsi minimamente di chi è povero, è evidente il vuoto che si è creato tra le diverse fasce sociali. L'aiuto fornito dallo Stato, una volta considerato come un segno di una nazione davvero civile e solidale, è stato declassato a "assistenzialismo", quasi ad accusare chi riceve aiuti di essere simile a una volpe astuta.

Questa percezione negativa verso l'assistenzialismo è diventata una colpa per molti, specialmente per coloro che vivono una vita anonima e frustrata, lontana dai sani principi che hanno fondato l'Italia. La mancanza di solidarietà ha portato a un ambiente dominato da burattini della comunicazione, che propagano idee al servizio dei padroni, anziché promuovere la collaborazione e la comprensione reciproca.

L'egoismo e l'invidia hanno avuto un ruolo importante nel plasmare questa società divisa. Le persone sembrano preferire la solitudine fatta di cattiveria, ignorando il fatto che l'aiuto reciproco e la generosità possono portare gioia e soddisfazione sia a chi dà che a chi riceve.

Luigi Palamara

Dipinto di Luigi Palamara 
Info: 388 838 5889 

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.