SISTEMATICO ABBANDONO DI RIFIUTI A MOSORROFA E SALA DI MOSORROFA

Il Comitato di Quartiere sente il bisogno di segnalare una situazione che da anni si perpetua nelle frazioni di Mosorrofa e Sala...


Il Comitato di Quartiere sente il bisogno di segnalare una situazione che da anni si perpetua nelle frazioni di Mosorrofa e Sala di Mosorrofa e continua non solo a deturpare l’ambiente ma anche a mettere a serio rischio la salute dei residenti. Parliamo del sistematico abbandono di rifiuti che, ahinoi, interessa dei tratti di strada ben definiti e conosciuti, quotidianamente percorsi (e quindi vissuti) dalla cittadinanza e alcune zone, discariche a cielo aperto, all’interno dell’abitato e in zone limitrofe. L’aggettivo “sistematico” non è utilizzato a caso in quanto, come da documentazione fotografica allegata, l’abbandono di rifiuti ingombranti si ripete a cadenza quasi quotidiana.

 Andando più sullo specifico: Nel tratto di strada che collega il quartiere di Cannavò con quello di Sala di Mosorrofa (tratto Str. Riparo Vecchio, contrada Camana, Reggio Calabria) è stata abbandonata merce, frigoriferi, divani, interi armadi, salotti, giochi per bambini, ecc... , si da poter arredare interi appartamenti; La stessa situazione si manifesta anche sulla, ormai famosa, strada San Sperato – Mosorrofa. Partendo da San Sperato già subito dopo il bivio Mosorrofa – Cataforio, direzione Mosorrofa, si possono trovare piccole ma numerose isole di rifiuti. 

Queste isole sono presenti lungo tutto il tratto stradale; In zona “Puzzu” a Mosorrofa nella parte storica del paese, una montagna di rifiuti è stata incenerita dal rogo del 25 luglio c.a. e la parte non combusta è ancora lì, in bella mostra, e degli incivili e delinquenti hanno ricominciato a sversare rifiuti;  In zona Bufano, anch’essa interessata dal rogo, sono ancora visibilissimi i segni del degrado che regna sovrano; Nella strada che va da Sella San Giovanni verso Tracale vi è in atto una enorme discarica che insiste sul passaggio di un torrente e ne pregiudica sicuramente la salubrità; In aggiunta c’è il quotidiano accumulo di rifiuti, in zona cassonetti ma fuori di essi. 

L’abbandono di rifiuti, perpetrato da cittadini ignoranti, delinquenti e non curanti della loro stessa salute, avviene nonostante gli occhi vigili di altri cittadini che hanno anche più volte segnalato il fatto (in autonomia o tramite associazioni/comitati) e viene costantemente realizzato nell’indifferenza delle istituzioni. Abbiamo più volte richiesto l’utilizzo di mezzi audiovisivi, quali telecamere, foto trappole, per individuare e punire i contravventori cosi da educare, visto che non si riesce in altro modo, attraverso la sanzione. Nulla è stato fatto.

 Questo atteggiamento negligente di chi avrebbe dovuto vigilare, oltre ad allarmare i residenti per le condizioni igienico/sanitarie (vista anche la presenza di Eternit), va a minare l’intelligenza di chi paga regolarmente per un servizio (offerto tra l’altro a singhiozzo) e si impegna quotidianamente nel rispettarlo. Allorquando, raramente, i rifiuti vengono rimossi dal servizio pubblico, magicamente e in breve tempo, sempre negli stessi posti, ricompaiono e si ricominciano a formare le discariche, questo non è più tollerabile. 

Invitiamo tutti i cittadini di Mosorrofa e Sala di Mosorrofa a segnalare prontamente ogni violazione del decoro urbano anche attraverso la denuncia ma invitiamo contestualmente le autorità preposte a farsi carico subito di questa situazione, a non rimandarla in attesa di un miracolo. 

Questa situazione è stata segnalata, tramite PEC e, ad alcuni, anche a voce, alla Procura della repubblica di Reggio Calabria, al Prefetto, all’arma dei carabinieri, al sindaco di RC, al settore ambiente del comune di RC, alla Polizia municipale e al garante della Salute della regione Calabria. Sta per partire, promosso dalla prof.ssa Anna Maria Stanganelli, a cura del CNR uno studio sulla relazionalità tra i roghi di rifiuti e l’aumento delle malattie tumorali, ma in attesa di conoscerne i risultati, non possiamo stare con le mani in mano e aspettare. È urgente bonificare le zone interessate e vegliare affinché non si riformino.

 Questa segnalazione non mira a denunciare solamente quanto accade, ma vuole essere una condanna in primis per i delinquenti che sversano irregolarmente rifiuti, vista la schematicità e sistematicità del reato, ma anche per i controllori che non hanno ancora trovato una soluzione ad un problema gravoso che, come già detto, potrebbe essere risolto solamente con una maggiore presenza da parte delle istituzioni di polizia competenti. 

Il cittadino, purtroppo, ribadiamo, va educato con la sanzione. Basterebbe qualche esempio; cogliere sul fatto e sanzionare anche pochi per far capire a tutti che bisogna rispettare le regole di convivenza civile. 

 Sappiamo che questa situazione non riguarda solo Mosorrofa, anche Mortara, Vinco, Arghillà, Rione Marconi, solo per citarne alcune, hanno lo stesso grande problema, ma “mal comune mezzo gaudio” non vale mai. 

Un male è sempre male e il fatto che non è localizzato ma esteso a tutta la città ci convince sempre di più che bisogna cambiare nella speranza di una futura amministrazione che affronti i problemi con più determinazione. 

Il Comitato di Quartiere di Mosorrofa 

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.