Il vicesindaco metropolitano di Reggio Calabria, Carmelo Versace, alla prima di Semidei, il docufilm sui Bronzi di Riace.

“I Bronzi di Riace sono l’attrattore turistico principale del nostro splendido patrimonio archeologico e culturale” “Una prima a...


“I Bronzi di Riace sono l’attrattore turistico principale del nostro splendido patrimonio archeologico e culturale”


“Una prima al teatro Cilea è sempre qualcosa di emozionante, e poi quando si evocano i nostri Bronzi di Riace, non può che essere ancora di più esaltante. Questo è un magnifico docufilm, ha già avuto un palcoscenico eccezionale al festival internazionale del Cinema di Venezia, riscuotendo grande interesse. Di questo siamo molto contenti perchè a pensarlo e realizzarlo sono stati dei grandi artisti calabresi e reggini. Sono riusciti a realizzare un’opera che ci auguriamo possa far vedere la nostra vera identità, il nostro vero territorio”. 

Così il vicesindaco metropolitano di Reggio Calabria, Carmelo Versace, oggi al Teatro Cilea, in occasione della prima messa in onda del docufilm ‘Semidei’, con la regia di Fabio Mollo, realizzato dalla Calabria Film Commission e dedicato ai Bronzi di Riace. “Un ringraziamento particolare ovviamente - ha aggiunto Versace - lo rivolgiamo alla Regione Calabria che ha voluto fortemente la realizzazione del docufilm ‘Semidei’, non soltanto per mettere in mostra la bellezza e l’importanza dei Bronzi di Riace in occasione del 50.mo dal loro ritrovamento, ma ancor di più farli diventare  l’attrattore turistico principale, per il nostro splendido patrimonio archeologico e culturale”. 

La serata al teatro Cilea, alla quale hanno preso parte i massimi rappresentanti delle istituzioni culturali, accademiche, delle forze dell’ordine, ha registrato la presenza, tra gli altri della vicepresidente della Regione Calabria, Giusi Princi, con delega alla Cultura, la prefetta di Reggio Calabria, Clara Vaccaro.

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.