Apre il villaggio dell'Aria in attesa delle Frecce Tricolore

Tre giorni dedicati all'aria, fino a domenica 30 luglio, con tutti gli sport attinenti, riuniti a Reggio Calabria a rendere ...


Tre giorni dedicati all'aria, fino a domenica 30 luglio, con tutti gli sport attinenti, riuniti a Reggio Calabria a rendere omaggio alle Frecce Tricolore e soprattutto ai 100 anni dell'Aeronautica militare che tornano nella città dei Bronzi di Riace e lo fanno con grande stile. La kermesse "Festival dell'Aria" promossa dalla Città metropolitana in collaborazione con la Regione Calabria ed il Comune di Reggio Calabria, e realizzata da SviProRe, ha aperto i battenti con l’apertura ufficiale del mini villaggio hospitality realizzato nell'area della Torre Nervi del Lido Comunale, balconata privilegiata sullo Stretto, per poter ammirare tutte le evoluzioni aree che si realizzeranno sul lungomare Falcomatà  questo sabato e soprattutto nel pomeriggio di domenica 30 luglio, a partire dalle 15:00 con il lancio dei paracadutisti, fino ad arrivare alle 18:00 con il passaggio dei jet acrobatici. Il villaggio ospita attività ludiche e sportive, degustazione di prodotti tipici ed eccellenze del territorio, nonché i talk e la proiezione di film. La presenza delle Frecce Tricolore a Reggio Calabria, a distanza di quattro anni dall'ultima esibizione, rafforza un legame antico tra la pattuglia acrobatica dell'Aeronautica militare e lo stesso Aeroclub dello Stretto, tra i più antichi d'Italia e sempre pronto a rendere unica ogni esibizione. Del resto lo stesso scenario dello Stretto di Messina rappresenta uno degli ambienti naturalistici più emozionati ed esaltanti anche per i piloti militari. Cielo e mare si uniscono in un tutt'uno di prove sportive che vedranno protagonisti anche gli atleti del kite-surf cimentarsi nella attraversata dello Stretto, poi il sorvolo dei mezzi dell'Aeroclub dello Stretto e altri ultraleggeri, mezzi aerei dei Carabinieri, Guardia di finanza, Polizia e militari, elicotteri fino a concludersi con le Frecce Tricolore. All’apertura del villaggio erano presenti il sindaco facente funzioni della Città metropolitana, Carmelo Versace, il consigliere delegato allo Sport di Palazzo Alvaro Giovanni Latella, l’amministratore di SviProRe Michele Rizzo, il presidente dell’Aero Club dello Stretto Rino Sculco ed i rappresentanti degli altri Enti ed istituzioni territoriali che hanno compartecipato all’organizzazione dell’evento.
<<Questo villaggio - ha affermato Giovanni Latella - vuole raccontare tutto quello che è lo sport dell'aria, trainato dall'evento principale rappresentato dall'esibizione delle Frecce Tricolore. In questo villaggio diamo spazio anche alle associazioni, e in questo caso vorrei ringraziare particolarmente l'Aeroclub dello Stretto>>. <<Il festival dell'Aria - ha detto Michele Rizzo - vuole raccontare anche il territorio reggino, spazio quindi agli sport del settore ma anche a tutte le principali bellezze dell'area metropolitana, con le sue specialita', la sua storia.Questa città - ha concluso - ha bisogno di riscoprire la propria identità, e in questo caso, il nostro ruolo deve essere quello di stimolatori>>. Per il sindaco facente funzioni del Comune, Paolo Brunetti <<il festival dell'Aria si indirizza sempre di più sul solco già avviato dal sindaco Giuseppe Falcomatà, ossia raccontare la nostra città attraverso eventi in grado di attrarre sempre maggior pubblico>>. <<Lo show delle FrecceTricolore hanno sempre rappresentato un momento molto atteso per la città di Reggio Calabria e per l'intero territorio - ha detto invece Carmelo Versace - si tratta di un evento fortemente voluto dalla Città metropolitana e che ci auguriamo abbia delle ricadute turistiche e di promozione del territorio importanti. Del resto - ha concluso - l'affetto che riscuote la pattuglia acrobatica è facilmente riscontrabile anche passeggiando per la città>> .



Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.