Aosta, editore inadempiente verso innumerevoli giornalisti continua .... addirittura passando da carnefice a vittima.

L'Editore Inadempiente: Una storia vera di Ingiustizia nel Mondo del Giornalismo Aosta si trova al centro di uno scandalo ch...

L'Editore Inadempiente: Una storia vera di Ingiustizia nel Mondo del Giornalismo



Aosta si trova al centro di uno scandalo che coinvolge un sedicente editore, identificato solo dalle iniziali "M.C.". La sua pratica di non pagare i giornalisti, me compreso, è solo la punta dell'iceberg di un comportamento scorretto e inadempiente che ha scosso la comunità giornalistica.

L'editore in questione non solo è inadempiente nei pagamenti, ma emerge anche che è un pregiudicato, un individuo che cerca astutamente di sfruttare la lentezza della Giustizia a suo vantaggio, cercando di piazzare i suoi "colpi" senza temere conseguenze. Questa situazione mette in risalto il fallimento del sistema giuridico nel garantire giustizia tempestiva e efficace.

Per ora, ci limitiamo a fornire le iniziali "M.C.", ma nei prossimi giorni emergeranno dettagli sconcertanti sul suo comportamento da cattivo pagatore e inadempiente, che continua imperterrito, quasi ignorando ogni richiamo morale. La sua audacia raggiunge livelli estremi quando cerca di sfruttare le occasioni per intentare cause per diffamazione e altri reati, cercando di "arrotondare" la sua posizione, passando da carnefice a vittima.

Il limite evidente del sistema giudiziario nell'affrontare casi del genere lo galvanizza. Armato di un avvocato, l'editore sfrutta ogni occasione, trasformandosi da colpevole a presunta vittima, manipolando le debolezze del sistema a suo vantaggio.

Questo individuo, da decenni, persiste nel non pagare decine di giornalisti, reclutandoli da ogni angolo d'Italia e trattenendo indebitamente il compenso per il loro lavoro. È una vita squallida, segnata dall'ingiustizia e dalla mancanza di etica, una storia di un individuo che pesca in tutto il paese i "polli" da non pagare.

È ora che la Giustizia intervenga con tempestività ed efficacia per porre fine a questa situazione. Se sembra che in questo momento si sia mossa in modo sbagliato, è imperativo che vengano apportati cambiamenti immediati. Non possiamo permettere che un individuo del genere continui indisturbato a danneggiare la vita e la carriera di giornalisti onesti.

Ci troviamo di fronte a un coglione patentato che, da Aosta, fa scorribande in tutta Italia, privando numerosi professionisti del giornalismo del giusto compenso per il loro lavoro. È un'esortazione affinché la Giustizia si muova rapidamente e correttamente, affrontando questa situazione iniqua e garantendo che chiunque agisca in tal modo paghi per le proprie azioni.


Luigi Palamara

Reggio Calabria 13 dicembre 2024

Ultimi 5 Articoli$type=blogging$m=0$cate=0$sn=0$rm=0$c=5$va=0

/gi-clock-o/ +LETTI DELLA SETTIMANA$type=list

/gi-fire/ ARTICOLI +LETTI DI SEMPRE$type=one

Marco Camilli di Aostaoggi continua a non pagare i giornalisti. Un INADEMPIENTE.